sabato 5 marzo 2016

Il tuo sentire

Vivi un'esperienza di forte disagio interiore e presto dai per scontato che ti sia nemica, che possa solo farti danno. Accade così che ti rapporti al tuo sentire come a cosa estranea, oggetto da controllare, da mettere a tacere come fosse malfunzionante, accadimento o "sintomo" strano, che forse vorresti catalogato e etichettato (le cosiddette diagnosi), eventualmente spiegato dal di fuori con qualche ragionamento, sicuramente debellato in fretta. Cerchi qua e là qualche accorgimento o stratagemma per riuscire a smontare, a liquidare il tuo sentire in ciò che di disagevole ti propone. Se il tuo sentire, che ti accompagna in ogni istante, ansie, tormenti e cadute di umore compresi e non esclusi, lo sapessi far tuo, se lo intendessi come tua esperienza e cammino, come tuo modo vivo di fare esperienza, di percepire, di addentrarti, di prendere rapporto vivo con verità che ti riguarda, come toccando con mano, come camminando a piedi nudi e "sentendo" il terreno, come esponendo la pelle al contatto...ecco che non potresti certo rifiutarti a nulla, nemmeno al dolore, a esperienza sofferta o nell'apparenza strana, perché la ricerca della verità, perché la conoscenza di te stesso non tollera che ci siano preclusioni, non richiede che tutto sia agevole, rettilineo e roseo, che debba conformarsi a presunti svolgimenti normali dell’esperienza. La cosiddetta normalità è una petizione di principio concepita da menti corte, che intendono la ripetizione e la conferma del già noto come regola e il conformismo come guida, che dell’interiorità e dell’essere individui sensibili e protesi a cercare il vero, a prenderne consapevolezza (questo è ciò che anima il profondo), non sanno vedere e concepire nemmeno l’ombra. Mi riferisco non solo al modo comune e diffuso di pensare le questioni e le vicende interiori, ma anche a quello di non pochi, di troppi presunti esperti e curanti della psiche. Qui torniamo alla questione di partenza: quante volte senti dire che l’ansia è immotivata, che toglie, che limita, che è eccessiva o patologica, che non dovrebbe esserci, che altro dovrebbe esserci!?  L’esperienza interiore, tutto ciò che accade nel sentire dice, rivela, disegna nel vivo, evidenzia con incisività e con precisione le questioni da riconoscere, fondamentali e imprescindibili, ancora ignorate, rende tangibili e cocenti verità via via da raccogliere e vedere. Quel che serve non è normalizzarsi, ma imparare a vedere dentro e attraverso l’esperienza viva, serve dare fiducia alla propria interiorità in ciò che propone, senza opporle veti e sospetti, serve aprire gli occhi su ciò che porge, sempre e in ogni caso, imparando la riflessione, che è capacità di vedere dentro l’esperienza, di ascoltare cosa dice nell’intimo un vissuto, un’emozione. Viceversa accade spesso che anziché imparare a congiungersi al sentire, che come piede nudo messo a terra dice dove si è e cosa si sta percependo in quel dove della propria esperienza, si cominci a sparare contro presunti cattivi modi di sentire, a parlare di paure immotivate ed eccessive, oppure che si vada altrove dal luogo vivo dell’esperienza intima per cercare nel passato qualche triste o problematica esperienza, con l’attesa di trovare là l'origine di tutti i mali, come se ciò che si sta provando fosse la conseguenza di qualche pena nascosta o spina dolorosa che perdura. Sempre a credere che la normalità di presunti equilibri immobili sia e debba essere la regola, sempre a pensare che se c’è disagio si sia vittime di un fastidio o di un torto, che si patiscano gli effetti sfavorevoli di un danno, di una distorsione, casomai di origine remota! Quando inizia e prende piede un malessere, un disagio, una crisi, quando tutto interiormente si mobilita e si complica, è assai più probabile che in quel che sta accadendo ci sia la volontà ferma del profondo di provocare un forte avvicinamento a se stessi, il superamento di uno stato di scollamento dal proprio intimo e dal proprio sentire, di spingere per un serio recupero di capacità di vedere e di capire (fondamento necessario di autonomia e di capacità di autogoverno della propria esistenza), di spaccare il guscio vuoto di un modo di pensare e di procedere, pur in apparenza autonomi, in realtà forgiati e regolati da adattamento e imitazione, con poco o nulla di proprio e di generato da sè, piuttosto che si sia malcapitati in un brutto episodio o parentesi  negativa della propria vita, da superare. Oggi, per te che soffri, l'apertura al tuo sentire, il recupero della tua capacità di avvicinarti a te, di non negarti a ciò che vive in te, imparando a vedere dentro e attraverso ciò che provi, senza esclusioni, includendo proprio tutto, anche se disagevole o in apparenza "strano", è questione importante e decisiva. E' questione attuale posta con forza dal tuo malessere. Nulla a che vedere con l'idea che il tuo malessere sia una anomalia da sanare e da mettere in conto a qualcosa o a qualcuno  del tuo passato recente o remoto. E’ utile, anzi indispensabile che tu sia aiutato a renderti disponibile a ciò che senti, senza preclusioni, a dotarti di capacità riflessiva, che ti renda capace di  attingere alla tua esperienza interiore viva, comprendendone il significato, apprezzandone via via il valore, scoprendo che puoi fidarti di tutto ciò che accade dentro di te. Ciò che manca a te e a chi come te vive un'esperienza di malessere interiore e di crisi, l’ho detto in molti miei scritti, è proprio questo: capacità riflessiva. La capacità riflessiva, quella vera, di vedere, di saper riconoscere dentro il tuo sentire cosa prende forma, che non c'entra nulla col modo abituale di intendere la riflessione (confezionare sopra e sul conto dell' esperienza, di ciò che si prova, spiegazioni col ragionamento), ti potrà permettere di dialogare con la tua esperienza viva, incluse quelle che finora hai chiamato o sentito chiamare e catalogare freddamente, come fossero oggetti, come ansie, attacchi di panico, fobie, depressione o altro. Trarre dalla tua esperienza interiore viva il suo intimo significato, ciò che vuole rivelarti e dirti, questo ti serve, ti può far crescere e darti unità con te stesso. Può farti uscire dalla paura di te stesso, di ciò che senti. Sparare contro il tuo sentire con farmaci o con altro, alimentando solo la tua insofferenza e la tua paura di ciò che vivi dentro di te, oppure fare del tuo sentire solo il pretesto per fare lunghi giri di indagine e di ragionamento per trovare ipotetiche cause, con l'intento di smontare ciò che vivo dentro te ancora non sai ascoltare e comprendere, è ipotesi infelice, oltre che sterile. Demolire il tuo sentire, risorsa preziosa e mezzo validissimo, anche quando sofferto e disagevole, per avvicinarti a te, per riconoscere, facendone intima esperienza, il vero, per capirti, per arrivare per questa via, lavorando su di te, a dare volto tuo e spessore alla tua vita, non è certo il meglio che tu possa desiderare per te stesso.

1 commento:

Trinity ha detto...

bunogiorno Pierangelo, ho letto tutto con molto interesse e le faccio i complimenti per come scrive è come spiega tutto con estrema chiarezza .. sono parole che ti arrivano al cuore e riesco a sentire quanto corrispondano alla semplice verità, il problema è come fare. Io sto ascoltando quella parte di me che tanto mi fa soffrire ma non riesco a capirla, non riesco a capire cosa vuole cosa desidera, non è semplice, parla una lingua a me sconosciuta. Sono stanca, tanto stanca , e non so più che devo fare.