domenica 29 gennaio 2012

"Depressione" e ricerca del filo interno

Cercare il filo, il nostro filo interno, di scoperta del senso di ciò che si muove in noi e che nell'intimo ci accade, il filo di un discorso, il nostro, non inventato, non forzato e manipolato per stare dentro quello comune e ritenuto ovvio....il filo che sottende i nostri passi, anche quelli più dolorosi e ardui. Questo e non altro la sofferta esperienza intima cerca e insegue, spesso incompresa. Se fa il vuoto, se scava, se scolora e rende indifferente il mondo, se mutila il sentire, se non gli permette se non di testimoniare una mancanza e un'impotenza, un senso di inutilità e di fallimento, una pena infinita, è per far riconoscere  di ogni altra cosa, che non sia il ritrovamento del proprio filo, l'assenza di valore e l'impraticabilità. Se l'interiorità  mette allo specchio e mostra di se stessi, pur dolorosamente, l'inconsistenza e il vuoto, non è per insane disistima e assenza di calore, ma per fondata pretesa di "essere" e di generare il proprio, senza più prese in giro, senza più compromessi perdenti. Quanto del modo di procedere abituale e precedente le fasi di più acuto malessere e sofferenza, quelle di cui chi è interiormente sofferente è nostalgico e che vorrebbe ricreare, era in realtà così valido e saldo? Quanto c’era di sfilacciato nella consapevolezza di se stesso, di disunito nel rapporto tra ciò che l'individuo si rappresentava e si proponeva e ciò che sentiva? Quanto c’era e quanto invece radicalmente mancava di filo interno, che unisse, che facesse vedere la continuità e il senso nella propria personale esperienza? Quanto a fine giornata si poteva dire d’aver raccolto, compreso o generato e quanto invece, casomai evitando di pensarci, c’era di inutile, di banale, di impersonale, di raffazzonato, di valido solo per tirar avanti con espedienti, per inerzia? Il problema pareva non porsi e non esistere….e però è venuto il giorno in cui un’interiorità, non certo debole o malata, ha cominciato a rendere più sensibile e vistosa la questione dell’assenza….di un filo, di un costrutto proprio e allora….è arrivato il tempo della consapevolezza, dolorosa e senza sconti e su queste basi il filo vero ha cominciato in realtà ad essere tracciato. Cercare il filo, il proprio filo interno..... Nulla è mostruoso, nulla è abnorme nell'intimo sentire, purchè non lo si squalifichi perchè doloroso, purchè non gli si contrapponga una normalità cui aderire, purchè non gli si chieda soltanto di sparire... per far posto a che? A gioia fittizia, a calcolo e a compiacimento per qualcosa, che simile a quel che han tutti, potrebbe pur bastare? L'impegno di cercarsi sul sentiero accidentato, di accettare di costruire finalmente e non di rivendicare, di ritrovare il proprio filo e di tesserlo con onestà e pazienza per farne tessuto vitale e di pensiero nuovo, proprio e resistente, che non svanisca....questo sì e con l’aiuto giusto è possibile e se lo si vuole chiamare cura e processo di guarigione lo si faccia pure....finalmente queste parole avranno senso e contenuto seri.



Nessun commento: